3 modi di indossare e abbinare il velluto a coste

Il velluto a coste è in circolazione da un bel po’ di tempo e possiamo dire senza timore che a causa delle sue “peculiarità” la sua reputazione ha avuto tanti alti quanti bassi. Infatti, proprio come il suo cugino estivo con motivo verticale, il Seersucker, il velluto a coste può farti sembrare un dandy super cool, come altrettanto velocemente può invecchiarti di almeno 10 anni.

A partire dal 2015 l’abbigliamento maschile (e non solo) è tornato a subire il fascino di questo tessuto, che nella stagione autunno inverno 2018/2019 sta vivendo un vero e proprio momento d’oro. È evidente che se ben confezionato e ben abbinato, un capo in velluto a coste è un pezzo di cui andare orgogliosi.

Lo sanno bene icone come John Lennon, Mick Jagger e Woody Allen che a partire dagli anni ‘60 hanno contribuito a definire il corduroy suit un essenziale del guardaroba informale.

Un trend cavalcato anche tutt’oggi da personaggi dello star system come il regista americano Wes Anderson o Jarvis Cocker, frontman del gruppo musicale rock britannico Pulp, famosi per la loro predilezione (potremmo dire “ossessione”) per gli abiti in velluto a coste.

Wes Anderson (a sinistra) indossa un abito di velluto a coste marrone; Jarvis Cocker (a destra) indossa un abito di velluto a coste verde
Il regista Wes Anderson e il cantante Jarvis Cocker indossano abiti in velluto a coste di cui sono appassionati

Sebbene il velluto semplice sia ormai riservato alle occasioni serali, la versione corduroy è, in effetti, abbastanza appropriata per la maggior parte dei luoghi di lavoro, se indossata in toni scuri, con accessori da ufficio. Se ti stai interrogando su come potresti inserirlo nel tuo guardaroba, ecco una guida pratica su come indossare il velluto a coste questo inverno.

Cos’è il velluto a coste?

Partiamo dall’inizio. Il velluto semplice è un tessuto solitamente realizzato in cotone, liscio, compatto, brillante e di un certo spessore, che presenta una superficie di fitto pelo disposto perpendicolarmente all’armatura. Una variante del classico velluto è appunto il velluto a coste, che può essere ottenuto attraverso vari procedimenti specifici come tessitura, spazzolatura, ceratura o calandratura.

Come suggerisce il nome, questo tessuto è caratterizzato visivamente da una serie di costolature in rilievo che gli conferiscono il tipico aspetto increspato/ondulato. La frequenza e la grandezza di queste “coste” può variare moltissimo e determina le varie tipologie di velluto a coste presenti sul mercato: velluto a costa larga, media, a 500 righe, a 1000 righe, ecc..

Dettaglio tessuto 100% cotone rosso mattone in velluto a coste Lanieri
Dettaglio tessuto 100% cotone rosso mattone in velluto a coste con costolatura fine

Da dove viene il termine inglese corduroy, traduzione del velluto a coste? Le teorie sono diverse ma le due principali sono una di origine inglese e una francese. Secondo la prima ipotesi il termine corduroy deriverebbe dall’unione delle parole cord (“corda”, a richiamare l’aspetto rigato del tessuto) e duroy, un tessuto di lana grezza prodotto in Inghilterra nel XVIII secolo.

L’altra tesi immagina che la parola possa avere origine dal francese corde du roi (“panno del re”), ma questa versione non è attestata e sembra che al tempo non indicasse nello specifico questa tipologia di tessuto.

Come indossare il velluto a coste

Bene, abbiamo capito cos’è il velluto a coste e sappiamo che è uno dei trend di questa stagione, ma come la indossarlo senza sembrare usciti dall’epoca boho degli anni ’70? Effettivamente gestire un outfit a base di velluto a coste richiede più pianificazione di quella necessaria per il solito vestito blu, ma niente è impossibile.

Ecco qui 3 modi facili per indossare e abbinare blazer, pantaloni e abito in velluto a coste senza commettere errori di stile.

Blazer in velluto a coste

Dettaglio manica con bottone di un blazer in velluto a coste rosso
Dettaglio manica blazer rosso in velluto a coste, disponibile su lanieri.com

Un modo giovane per inserire il velluto a coste nella rotazione dei capispalla è acquistare una giacca con un taglio a giubbotto jeans o bomber. I colori neutri funzionano sempre, ma le opzioni più di moda adesso sono sicuramente quelle in beige, marrone e blu.

Se cerchi una versione meno streetstyle, ma al tempo stesso moderna, un blazer destrutturato e sfoderato in velluto a coste è un’ottima scelta. Al momento dell’acquisto tieni presente che il velluto per giacca e blazer non deve essere grosso e spesso come quello usato per i pantaloni.

Più sottile è la costa, più leggera appare la stoffa: questo ti permetterà effettivamente di portare il capo a) senza apparire con qualche chilo di troppo e b) in contesti di lavoro informali.

Un vero must di questa stagione è il color verde oliva, da portare abbinato a chinos spessi, jeans e sopra a qualsiasi elemento come T-shirt, camicia o polo in lana. Se hai intenzione di indossare il capo anche a lavoro è chiaro che dovrai orientarti verso sfumature più scure di blu, marrone e verde, sapendo che la prima opzione tra queste sarà in assoluto quella più versatile e appropriata.

Ti piace osare? Beh, la cosa interessante di un blazer da uomo in velluto a coste è che il tessuto appare visivamente così ricco da concederti di indossare anche colori che normalmente non porteresti. Lasciati tentare da rossi, viola, verdi e navy, anche nelle versioni più audaci. Daranno il loro meglio nelle occasioni casual invernali.

Nota di stile: un blazer in velluto a coste è sicuramente un gradino sopra gli altri capi del tuo guardaroba in quanto a carattere ma è necessario assicurarsi di farlo bene. Quando lo indossi mantieni il resto del tuo look semplice e lascia che sia lui l’attrazione principale.

Pantaloni in velluto a coste

Dettaglio fondo con risvolto di pantaloni in velluto a coste rosso: la lunghezza arriva fino a sfiorare la tomaia della scarpa
Dettaglio fondo pantaloni in velluto a coste: la lunghezza arriva fino a sfiorare la tomaia della scarpa

I pantaloni sono sicuramente il modo più sicuro e più “classico” per vestire il velluto a coste, ma ci sono dei rischi. Se azzardi un taglio troppo largo abbinato con stivali o scarpe da ginnastica, ti ritroverai subito nel territorio degli show anni ’70.

Il consiglio è quindi quello di prediligere una vestibilità standard o slim che si assottigli fino alla caviglia, terminando poco prima della tomaia delle scarpe.

I pantaloni di velluto sono una dichiarazione di stile e in quanto tale va fatta nel modo giusto. Il suggerimento principale è quello di dosare i mix e assicurarti di abbinare i pantaloni a qualcosa che faccia lo stesso complimento allo stile.

Un maglione girocollo o a collo alto funzionerà sempre, soprattutto se indossato sotto al tuo cappotto invernale. In questo caso i materiali avranno entrambi uno spessore simile, e questo equilibrerà visivamente la tua metà superiore del corpo con quella inferiore.

Per quanto riguarda il colore, non aver paura di allontanarti dal solito grigio/nero, dopotutto se stai indossando del velluto quello che vuoi è che i tuoi pantaloni vengano notati, no? Un’alternativa “sicura” è il marrone.

Potrebbe essere considerato da alcuni un po’ old style, ma rimarrai sorpreso di sapere che proprio questa nuance è uno dei trend della stagione in corso. Da non lasciarsi scappare le versioni in beige e navy blue.

Per un look casual Friday indossa i tuoi pantaloni corduroy con una camicia button-down senza cravatta. E per un tocco di colore metti in pausa i tuoi calzini neri in favore di un paio blu acceso.

Abito in velluto a coste

Dettaglio di una giacca in velluto a coste con camicia denim e cravatta blu
Un abito in velluto a coste deve essere portato con accessori moderni che ne contrastino l’atmosfera retrò

Considerata la sua natura morbida e il passato costellato di esempi goffi e sciatti, quando scegli di indossare un abito in velluto a coste devi essere il più attento possibile alla vestibilità. Cerca un vestito che sia piuttosto aderente, che abbia il giusto fit e un taglio molto pulito: non sono ammesse giacche larghe e pantaloni al limite del baggy style.

Una soluzione adatta al tempo libero e ai contesti professionali casual può essere quella in marrone, da abbinare a una camicia elegante a quadri scozzesi con dettagli neri e rossi. Degli stivaletti Chelsea aggiungeranno lucentezza all’ensemble.

Un abito blu in velluto a coste sarà un’alternativa ai tuoi classici spezzati invernali, da portare con accessori che ne contrastino l’atmosfera smaccatamente retrò. In ufficio: una camicia su misura azzurra (o denim) con cravatta tinta unita in lana o seta. Nel weekend: un golfino a collo alto in un colore intenso.

Velluto a coste in breve: cosa fare e non fare

  • Tieni sempre in considerazione lo spessore del materiale. Per giacche e abiti prediligi righe strette e piccole, per i pantaloni concediti anche un tessuto più corposo con coste più larghe.
  • Una giacca in velluto o un blazer sono i modi più semplici per incorporare questo tessuto nel tuo guardaroba. L’informalità del capo e la profondità del tessuto ti permettono di sperimentare con i colori.
  • I pantaloni in velluto a coste non devono essere troppo larghi e devono essere indossati con pezzi che non siano eccessivamente attillati, in quanto è necessario mantenere una proporzione con lo spessore del tessuto.
  • Un abito di velluto a coste è una dichiarazione di stile che ti permette di osare con il colore o di restare sui classici blu e marrone. Unico must gli accessori: moderni e che contrastino l’atmosfera retrò.

Rispondi