Solo fino al 6 maggio

Il mestiere dell'eleganza

In sconto fino al 30% una selezione di prodotti business

Promozione valida negli Atelier Lanieri e su lanieri.com fino al 06/05/2018 alle 23:59:59 CEST. I codici sconto non sono cumulabili. In caso di promozioni presenti sul sito, i codici sconto vengono applicati al prezzo di listino e sono utilizzabili solo se il prezzo risultante una volta applicato il codice sconto è inferiore a quello già scontato sul sito.

Perché il primo maggio è la Festa del Lavoro

La Festa del lavoro — anche chiamata Festa dei lavoratori — viene celebrata ogni anno il 1º maggio e ricorda le lotte portate avanti dai lavoratori per affermare i propri diritti e migliorare la propria condizione.

“Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire” fu lo slogan inventato in Australia nel 1855 e condiviso da gran parte dei movimenti sindacali del primo Novecento. Fu proprio all'inizio del XX secolo infatti, che cominciarono le prime rivendicazioni generali e si sentì l'esigenza di definire un giorno in cui tutti i lavoratori potessero incontrarsi per esercitare una forma di lotta e affermare il proprio diritto all'indipendenza. Il 20 luglio del 1889 la Seconda Internazionale, riunita in congresso a Parigi, decise di promuovere contemporaneamente in tutto il mondo una manifestazione per richiedere la riduzione del numero di ore lavorative a 8.

Primo maggio

Perché si scelse proprio la data del 1° maggio? La decisione venne influenzata da importanti manifestazioni operaie tenutesi pochi anni prima a Chicago dove, a seguito di una violenta repressione, lo scontro tra polizia, lavoratori e anarchici culminò nell'episodio noto come Rivolta di Haymarket (Haymarket Riot). La vicenda provocò due morti e molti feriti, e segnò un momento di svolta per il tema dei diritti in ambito lavorativo negli Stati Uniti.

Primo maggio

Una festa celebrata in tutto il mondo quindi, anche se in alcuni paesi, tra cui proprio gli Stati Uniti, il Labor Day cade il primo lunedì di settembre. Una tradizione che, tra Ottocento e Novecento, ha rispecchiato anche il mutare delle lotte e che ha saputo agganciarsi alle rivendicazioni politiche e sociali del momento, non necessariamente legate solo al lavoro.

In Italia la festività fu ratificata nel 1891 e, durante il ventennio fascista fu anticipata al 21 aprile, in coincidenza con il cosiddetto «Natale di Roma». Dopo la fine del conflitto mondiale, nel 1945, la celebrazione fu ripristinata mantenendo lo status di giorno festivo. Dal 1990 i sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil, in collaborazione con il comune di Roma, organizzano un grande concerto per celebrare questa ricorrenza.