Qual è la differenza tra un blazer e una giacca?

Giacca classica, giacca sportiva, blazer, giacca da abito… I nomi dati alle giacche da uomo sono tanti, ma non è sempre chiaro quale sia la differenza tra una e l’altra.

Parlando con i nostri clienti, per esempio, abbiamo scoperto che molti di loro sono convinti che la giacca ed il blazer siano lo stesso capo, e che a definirne la differenza sia solo l’utilizzo che ne viene fatto: chiamano giacca ciò che indossano a mo’ di completo, mentre definiscono come blazer il pezzo forte riservato allo spezzato. Credenza comune, ma è davvero così?

Premesso che il tailoring contemporaneo si è fatto sempre più articolato, e che ciò che riguarda la moda maschile è sempre meno chiaro e definito, è comunque possibile trovare delle differenze evidenti (diverse tra brand e brand) tra i due capi must della moda maschile, ed il modo in cui poi si possano o debbano abbinare ne è semplicemente il risultato.

Ogni dettaglio sartoriale relativo alla confezione di una giacca da uomo, come la struttura della spalla o la costruzione interna, ne caratterizza lo stile e il livello di formalità.

Per questo conoscere le differenze tra una giacca e un blazer permette ad ogni uomo di scegliere nel modo corretto il proprio look, ed ottenere così la giusta dose di eleganza in base all’occasione e all’ambiente in cui si trova.

Etimologia e origine

Quando è nata la giacca

Abito maschile con giacchetta a sacco in tessuto quadrettato, Inverno 1892, Coll. Bertarelli, Milano
Abito maschile con giacchetta a sacco in tessuto quadrettato, Inverno 1892, Coll. Bertarelli, Milano

I capispalla del guardaroba maschile sono andati modificandosi nel corso dei secoli ed è solo alla fine del XIV secolo che sentiamo per la prima volta parlare di jaquette. La giacchetta era più lunga della giacca, poteva arrivare fino al ginocchio ed era ricamata, imbottita e foderata di pelliccia. 

Il primo modello più simile a quello attuale, invece, è probabilmente quello delle “giacche a sacco”, anche dette long jacket. Diffuse nell’Inghilterra del XIX secolo, le giacche a sacco si presentavano diritte, larghe alle spalle e lunghe alle anche, con due semplici cuciture laterali, una sola bottoniera e due tasche tagliate. Confezionate con tessuti quadrettati o rigati, si abbinavano a pantaloni coordinati.

Quando è nato il blazer

Difficile definire una data precisa di nascita del blazer uomo, ma è certo che il termine ebbe origine intorno al 1825 con i “blazer” rossi del Lady Margaret Boat Club, il club di canottaggio del St. John’s College di Cambridge.

Le giacche delle divise del club Lady Margaret, infatti, erano definite blazer (dall’inglese blaze, per fiamma) a causa del tessuto rosso brillante e il termine è poi sopravvissuto al capospalla rosso originale. Ecco spiegato il significato della parola.

Prima attestazione dell'utilizzo del termine "blazer" in riferimento ai "blazing red" blazer del Lady Margaret Boat Club, Cambridge
Prima attestazione dell’utilizzo del termine “blazer” in riferimento ai “blazing red” blazer del Lady Margaret Boat Club, Cambridge

Le differenze pricipali

Se vuoi capire la differenza tra giacca e blazer da uomo, prima di tutto devi sapere come sono fatti. Ecco qui una breve introduzione alle caratteristiche generali e una serie di confronti sulle differenze principali.

Cos’è una giacca

Quando parliamo di giacca da uomo, intendiamo un capospalla che fa parte di un look intero costituito appunto da giacca, pantaloni e talvolta gilet.

Anche se di recente si è diffusa la moda di abbinarla a qualcosa di diverso (jeans, chinos, pantaloni eleganti di un altro colore), la giacca andrebbe portata sempre in coppia con i pantaloni abbinati, così da preservare la sua indole formale.

Cos’è un blazer

Il blazer, a differenza della giacca, è un capo con un’identità propria, creato per essere indossato senza pantaloni abbinati. Benché esistano diverse tipologie di blazer, la versione più nota è il Navy Blazer, ovvero un blazer doppiopetto blu con sei bottoni dorati e tasche a patta.

Il blazer monopetto deriva invece dalle giacche da club e viene proposto di solito in blu, ma con tasche a toppa. Anche in questo caso la moda ha mutato la natura di questi capi, oggi disponibili in colori e forme sempre nuovi.

Modello

Considerata la natura formale della giacca e quella più casual del blazer, i modelli stilistici previsti sono diversi. 

Giacca

Dettagli di una giacca bordeaux marrone su misura Lanieri con dolcevita verde
Dettagli di una giacca su misura Lanieri

Le giacche sono solitamente a petto singolo a due o tre bottoni, o doppiopetto a sei o quattro bottoni. Le tasche invece, sono in ordine di formalità a filetto o a pattina. 

Online su lanieri.com è possibile personalizzare la propria giacca su misura con sei modelli diversi: monopetto due bottoni, monopetto due bottoni con rever larghi, monopetto due bottoni con rever a lancia, monopetto tre bottoni, doppiopetto e doppiopetto con rever larghi.

Blazer

Dettagli di un blazer verde su misura Lanieri su un maglione a coste azzurro
Dettagli di un blazer su misura Lanieri

Per il blazer, invece, vengono proposte la versione a petto singolo a due bottoni o doppiopetto a sei bottoni. Le tasche, ovviamente, sono a toppa

Il blazer Lanieri può essere personalizzato con tre modelli di tasche/allacciatura/rever: doppiopetto con rever a lancia e tasche a toppa, monopetto con tasche a toppa, monopetto con tasche a pattina.

Costruzione delle spalle

Spalla di una giacca e di un blazer da uomo a confronto: in alto la spalla più rotonda e piena di una giacca; in basso la spalla più morbida di un blazer
Spalla di una giacca e di un blazer da uomo a confronto: in alto la spalla più rotonda e piena di una giacca; in basso la spalla più morbida di un blazer

A rollino, a camicia, napoletana, italiana, inglese. Le costruzioni delle spalle sono molteplici e variano da brand a brand, da nazione a nazione, da sarto a sarto.

È quindi difficile trovare una distinzione universale sulla costruzione delle spalle di una giacca e di un blazer. Spesso, infatti, possono avere entrambi la stessa struttura.

Giacca

Solitamente le spalle delle giacche italiane sono a rollino. Ovvero vengono realizzate a mano con movimenti molto lenti e precisi, inserendo prima una sottilissima spallina e poi un’imbottitura (detta rollino) nel punto di attaccatura della manica. Questa costruzione serve a dare rotondità alla spalla, e una maggiore definizione e struttura all’intera giacca.

Blazer

A differenza della giacca, il blazer viene spesso confezionato con spalle a camicia. La costruzione della spalla a camicia, chiamata così perché realizzata come per le camicie inserendo l’eccesso di tessuto della manica al di sotto della spalla, conferisce al capo una vestibilità più morbida, seguendo la naturale forma delle spalle.

Struttura interna

Giacca e blazer da uomo a confronto fianco a fianco: a sinistra un giacca blu foderata; a destra un blazer a scacchi sfoderato
Giacca e blazer da uomo a confronto fianco a fianco: a sinistra un giacca blu con interno foderato; a destra un blazer a scacchi sfoderato

Come per la costruzione delle spalle, anche per la struttura interna di giacche e blazer è difficile trovare una distinzione universale. Detto questo, nella confezione contemporanea esistono comunque delle piccole differenze.

Giacca

Grazie alla costruzione intelata o semi intelata, vengono date morbidezza e aderenza esattamente dove servono. La tradizionale tela in crine applicata dalla spalla fino a sotto il torace, la fodera interna e la picchettatura del rever, sono i dettagli che contraddistinguono le giacche da uomo di qualità.

Un’altra caratteristica riguarda il fit: più aderente rispetto al blazer. Questo perché non occorre indossare molti strati di capi al di sotto della giacca formale al di fuori della camicia.

Blazer

Un capo meno formale, che non richiede un’eccessiva compostezza nella linea e nella struttura. La costruzione destrutturata, priva cioè di tela, spalline, picchiettatura e fodera interna, rende il blazer incredibilmente leggero e comodo da indossare anche sopra a più strati di indumenti.

Tessuti

Giacca

Prima di tutto i tessuti da giacca vengono scelti considerando che dovranno essere usati anche per confezionare i pantaloni abbinati. Questo significa che dovranno avere una maggiore resistenza alle cuciture e all’abrasione, poiché è più facile che i pantaloni si strappino o si rovinino con lo sfregamento della camminata.

Oltre a questo aspetto pratico, c’è anche un aspetto stilistico. La giacca è un capo di impronta formale che richiede colori, pattern e finezze adeguate ai contesti business e/o cerimonia.

Blazer

Al contrario della giacca, nella scelta dei tessuti per blazer non si deve tenere in considerazione lo stress riservato ai pantaloni. I tessuti possono avere quindi una soglia di resistenza alle abrasioni e alle cuciture inferiore rispetto ai tessuti per abito e possono prevedere grammature, finezze e pattern diversi.

Lo stile

Quando indossarli

Giacca

L’indumento formale più comune del menswear. Grazie alla sua linea composta e strutturata, una giacca è la risposta giusta per la stragrande maggioranza delle situazioni formali.

Da indossare con pantaloni in tinta per le occasioni di lavoro di tutti i giorni. La moda attuale prevede che tu possa abbinarla a pantaloni a contrasto nei contesti meno formali.

Blazer

Un capo “jolly” che, a seconda delle personalizzazioni, può essere indossato nei contesti casual e in quelli business casual. Meno formale rispetto alle giacche classiche, il blazer è il compagno perfetto per le occasioni più casual e gli eventi del weekend. Una forma più spontanea di eleganza, che non ti consigliamo per il guardaroba business di tutti i giorni.

Come abbinarli

Giacca

Un uomo indossa giacca e pantaloni  bordeaux marrone su misura con maglione dolcevita verde
Total look: giacca, pantaloni e maglione Lanieri

Come ti abbiamo raccontato qui sopra, la giacca nasce per essere indossata come abito completo.

Per questo il primo abbinamento indispensabile è quello con i pantaloni e, volendo, il gilet, che dovranno essere dello stesso tessuto.

Considerata la natura slim fit del capo, l’unico capo da indossare al di sotto della giacca è ovviamente la camicia. In inverno è possibile sostituire aggiungere un maglione, purché sia in lana extra-fine.

Blazer

Un uomo indossa blazer verde e pantaloni marroni su misura con maglione dolcevita a coste azzurro
Total look: blazer, pantaloni e maglione Lanieri

Via libera alla creatività? Più o meno sì. Essendo un capo del guardaroba casual, il blazer ti permette di giocare con gli abbinamenti. I pantaloni saranno a contrasto, perfetti i chinos, e potrai abbinare camicie o magliette, a seconda dell’occasione. Il pezzo chiave per creare dei look spezzato casual.

La giacca sportiva: cos’è?

Non c’è due senza tre. Esiste infatti una terza tipologia di giacca, la cosiddetta sport jacket, che però fa sempre meno parte del guardaroba maschile contemporaneo. 

La giacca sportiva ha origine verso la fine dell’Ottocento, quando divenne di moda una combinazione di giacca e pantaloni differenti per la caccia. La giacca, detta alla Norfolk, era in tweed, con tre quattro bottoni, cintura e ampie tasche a soffietto.

Negli anni Venti le giacche in tweed persero la cintura, le pieghe e cominciarono a essere indossate non solo per le battute di caccia, ma anche nel tempo libero, in alternativa all’abito.

Con il tempo la giacca sportiva si è trasformata in un ibrido, a metà tra l’abito e l’abbigliamento sportivo. I sarti italiani offrono una versione più fine ed elegante dell’originale, mentre i sarti inglesi offrono una versione della giacca sportiva più fedele all’originale.

È possibile riconoscere la giacca sportiva poiché viene confezionata con tessuti meno formali, ovvero, tweed, pattern herringbone, pied-de-poule, cheviot, covert e Bedford Cord.

Blazer e giacca sportiva sono simili a tal punto che se il primo blu viene confezionato monopetto e senza bottoni d’oro non si distingue da una semplice giacca sportiva blu.

Giacca da abito, blazer o giacca sportiva

Sebbene non completamente diverse l’una dall’altra, ciascuna delle giacche da uomo citate oggi offre differenze abbastanza sottili per poterle distinguere.

Non esiste una giacca migliore dell’altra; tutto dipende dalle tue necessità e dall’occasione.

Ogni giacca offre i suoi vantaggi unici che ti aiuteranno ad apparire al meglio in base all’ambiente in cui ti trovi.

Ora che le differenze fra giacca e blazer sono chiare, cosa scegli?

1 Comment

  1. […] per l’ufficio, ti consigliamo di optare per la versione blazer, (non prima di aver chiara la differenza fra giacca e blazer) con costruzione destrutturata per una maggiore sensazione di comfort e […]

Rispondi