“Non è dal lavoro che nasce la civiltà: essa nasce dal tempo libero e dal gioco.” (Alexander Koyré)

abbigliamento tempo libero

Lo spezzato ci consente molta più libertà nell’abbinamento dei colori rispetto al rigore degli abiti da lavoro, lasciandoci modo di abbinare tinte pastello, scarpe marroni, mocassini e camicie a seconda della stagione. E’ bene però non abusare di tutta questa libertà ed imparare quelle pochissime e semplici regole per evitare gli abbinamenti “pugno nell’occhio”. Giacca: le tasche possono essere esterne, consentendoci di inserire la mani per un look che più dandy non si può. Con la giacca da spezzato si può osare: il doppio petto può essere largo o stretto, bottoni sui revers, ampie pattine e i tessuti più variegati. Pantaloni: al di là del taglio classico e a seconda dell’occasione, è possibile optare per un comodo “chinos” d’estate, o addirittura un jeans d’inverno. Quest’ultimo può essere leggermente slavato per un effetto vintage, ma mai e poi mai strappato. D’estate, se non si portano i calzini, si può arrotolare il fondo dei pantaloni lasciando intravedere le caviglie. Camicia: nelle occasioni mondane può capitare di togliersi la giacca per ballare o semplicemente per eccesso di calura. Dovrete quindi tener presente che il vostro abbinamento preveda questo aspetto, curando la scelta della camicia e il suo colore. Scarpe: d’estate il mocassino è un must, ma anche una sneakers modaiola può andar bene. D’inverno il classico desert boot è un passepartout per tutte le occasioni, sia in versione blu scuro che marrone. Abbinamento: punto chiave in caso di spezzato, l’abbinamento richiede molta attenzione e un po’ di tentativi. Tenete a mente che ciò che conta è sempre la coerenza. Non si potranno quindi abbinare una giacca invernale con dei pantaloni estivi e viceversa. Il tono su tono è possibile, ma molto rischioso! Anche sul colore è necessaria coerenza: tinte forti con tinte forti e tinte tenui con tinte tenui, sempre.

This article is also available in: Inglese