Gli allenatori di calcio con più stile: ecco i primi 10 in classifica

Guidano macchine di lusso. Sono sempre in compagnia di donne bellissime. Sono gli ambassador prescelti dei brand maschili di punta. Di chi stiamo parlando? “Dei calciatori!” sarà sicuramente la prima ipotesi che ti è balenata per la testa, non è vero? Beh, le cose nel mondo del calcio stanno un po’ cambiando…

Eleganti, discreti, sempre in forma e lontani anni luce de scandali e riflettori. I manager delle squadre di calcio sfoggiano look ricercati e sempre più personali. Noi abbiamo frugato tra i reperti online, li abbiamo seguiti su Instagram, li abbiamo messi tutti a confronto e alla fine abbiamo stilato la Top 10. Ecco la nostra personale classifica degli allenatori di calcio (italiani e non) più cool del momento.

10. Massimiliano Allegri

 

https://www.instagram.com/p/BN-GSp9A3Zj/?taken-by=mrallegriofficial

« Non sono un maniaco degli schemi, ma un estroso: non posso stare ventiquattr’ore di fila a cercare una soluzione, devo aspettare che arrivi l’ispirazione e il più delle volte capita quando non ci penso: capita che di notte cambi la formazione che avevo deciso, per esempio. La realtà è che si vive di sensazioni. »
Massimiliano Allegri

Italo Allodi, storico dirigente del calcio italiano, lo descriveva come un promettente giocatore «dotato di tanto talento e di un carattere un po’ scanzonato». A guardarlo oggi non si direbbe che dietro quel piglio duro e inflessibile e un look rigoroso, si nasconda una vera testa calda. Lo spirito “scanzonato” Allegri lo confina nel suo lavoro in campo, ma quando si tratta di stile le tattiche si fanno costanti, precise e attente al dress code.

Qui lo vediamo indossare un blazer a petto singolo color denim, abbinato a un dolcevita blu notte. Il giusto grado di contrasto senza apparire troppo banale. Speriamo abbia abbinato il tutto con un paio di chinos a contrasto e magari un paio di monks o di chelsea boots.

9. Zinedine Zidane

Zinedine Zidane allenatore del Real Madrid

« The door can never be closed for good to any player. »
Zinedine Zidane

Sono i Mondiali del 2006 quando il francese Zinedine Zidane sferra una testata dritta dritta nel petto di Marco Materazzi. Il giorno successivo, il 10 luglio 2006, Zidane viene comunque eletto “Miglior giocatore del torneo”. Basta questo forse per raccontare il carattere di uno dei migliori giocatori della storia del calcio, aggiudicatosi lungo il percorso ben 14 cartellini rossi.

Fisico imponente, amante della moda, modello per Y-3, Louis Vuitton e Mango. Quando allena il Real Madrid, lo vediamo indossare la divisa ufficiale: cappotto blu, abito formale, camicia bianca e cravatta. Quando è il versione casual il suo gioco di colori si mantiene sempre sul navy, grigio o nero. Il tutto funziona, e comunque nessuno di noi ha il coraggio di dirgli il contrario. Tu?

8. Eusebio Di Francesco

https://www.instagram.com/p/BZHeiChA_G1/?taken-by=eusebio_difrancesco

« Quando avevo tra i sei e i nove anni correvo per le “Frecce azzurre”. Però mi piaceva tanto anche giocare al calcio. Poi il tecnico della squadra di ciclismo mi pose di fronte ad un aut aut: o la bicicletta o il pallone. E io scelsi. E scelsi bene. »
Eusebio Luca Di Francesco

Per molti è l’allenatore italiano del futuro: Eusebio Luca Di Francesco, manager della Roma, è l’uomo che è riuscito a portare anche il piccolo Sassuolo ai preliminari di Europa League. Il tutto con un vero tocco di stile in più, sia in fatto di tattiche calcistiche che in fatto di look.

Grooming sempre perfetto, occhiale definito e gilet in maglia sempre pronto a colpire. Di Francesco è attento ai dettagli sul campo come in fatto di stile, e in entrambi i casi sembra che la tattica abbia successo.

7. Mauricio Pochettino

«To try to improve we want to look at ourselves and be bigger and not care about our neighbours. »
Mauricio Pochettino

Classe 1972, nato in Argentina, Mauricio Pochettino è un ex difensore argentino, attuale allenatore del Tottenham. Da calciatore inizia la carriera nel Newell’s Old Boys, ma nel 1994 si trasferisce in Europa tra le fila dell’Espanyol, dove nel 2000 vince la Coppa del Re, la coppa nazionale calcistica spagnola. Successivamente approda nel campionato francese, prima nel Paris Saint Germain e poi nel Bordeaux. Ma il suo sogno era uno fin da giovane: diventare allenatore.

Se del lavoro ne ha fatto una disciplina marzile, con il guardaroba è capace di rilassarsi al punto giusto. Inflessibile, feroce, anti-mediatico, Pochettino non va molto d’accordo con gli abiti formali e le divise off-field. Preferisce portare blazer casual, pantaloni con pinces, camicie chiare con collo francese e maglie dallo scollo a V. Fortuna che il look “relax” gli riesce, e anche piuttosto bene.

6. Antonio Conte

https://www.instagram.com/p/BHoshPbDQYw/?taken-by=antonioconte.official

«Più vai in vetta e più sono forti le folate di vento. »
Antonio Conte

Il carattere che ha in panchina lo aveva anche da calciatore. Antonio Conte, che lungo tredici stagioni con la Juventus ha macinato e vinto campionati, Champions League e coppe Uefa, è oggi l’allenatore del Chelsea, club con cui ha vinto anche la Premier League 2016-2017.

Tenacia, grinta, abbronzatura e taglio di capelli perfetto. Conte sa come funzionano le cose, anche in fatto di moda maschile. Senza vezzi, senza sbavature, sa indossare la divisa ufficiale total blue alla perfezione e con quella cazzimma tutta italiana. Il look per il tempo libero? A base di jeans e chinos.

5. Fabio Cannavaro

«In Italia il bambino ha soltanto il calcio, non sognerà mai qualcosa di diverso da uno stadio pieno e un pallone tra i piedi.»
Fabio Cannavaro

Uno belli del pallone nostrano, considerato uno dei migliori difensori nella storia del calcio italiano. Fabio Cannavaro, napoletano D.O.C. classe ’73, ha vinto il Pallone d’oro e il Mondiale entrambi nel 2006, e attualmente è il tecnico del Tianjin Quanjian in Cina.

Affatto contrario ai rifletori quando in campo ancora correva da parte a parte, è stato modello per Dolce e Gabbana insieme al team della nazionale, e si è prestato al piccolo schermo con le pubblicità della Gatorade, delle patatine Lay’s e dei salumi Beretta. Cannavaro è uno che ha fatto del suo look da “bravo ragazzo” la sua cifra stilistica. Oggi lo vediamo portare dagli abiti più casual a quelli più formali con una sicurezza e una rilassatezza da fare invidia.

4. Luis Enrique

Luis Enrique fino all’anno scorso allenatore del Barcellona

«Even when you’re winning there’s a lot of things to improve.»
Luis Enrique

L’ex calciatore spagnolo e ex tecnico dell’FC ha saputo unire il fascino con una grande versatilità. Prova ne è che ha rivestito ogni ruolo in campo eccetto il centromediano e il portiere. La sua attitudine allo stile personale è iper adattabile in egual misura. Il 46enne spagnolo alterna e/o mescola capi di sartoria con pezzi decisamente più sportivi. Ama i completi formali, anche quelli creati con tessuti chiari, e li anbbina sempre a un paio di sneakers all’ultima moda.

3. Joachim Löw

Joachim Löw attuale commissario tecnico della Nazionale tedesca

«If you want to change something, you have to use new ways.»
Joachim Löw

La Nazionale di calcio della Germania è un insieme di eccellenze tecniche piacevolossime da guardare. Lo stesso vale per il look di Joachim Löw, il manager. Semplice e prevedibile, fatto di pantaloni eleganti, maglioni in cashmere neri o navy girocollo e senza niente sotto. Uno stile smart-casual che acquista un tocco young grazie al taglio di capelli vagamente Beatles. Un guardaroba costruito con pezzi semplici ma precisi, così come la squadra.

2. Pep Guardiola

Pep Guardiola allenatore del Manchester City.

«Let us fight until the end. Let me try at least that – fight.»
Pep Guardiola

Nonostante la giovane età, Josep “Pep” Guardiola si è sempre contraddistinto per l’eleganza, non importa di quale club facesse parte. Dal Barcellona al Bayern e ora al Manchester City. A bordocampo Guardiola è conosciuto per indossare vestiti dal fit slim (a volte troppo), ma perfettamente confezionati. Il trionfo del sartoriale, ebbene sì. Abiti portati con una maglia sottile, o con camicia bianca e la cravatta sottile legata leggermente di traverso. Non potevamo non apprezzare la sua attitudine sartoriale…

1. Quique Sánchez Flores

Quique Sánchez Flores allenatore del RCD Espanyol.

«We’ll make big progress if we focus on ourselves, without making comparisons»
Quique Sánchez Flores

Basta passare un pomeriggio davanti allo schermo a guardare le partite per rendersi conto che gli allenatori di tutto il mondo sono divisi in due “squadre”: quelli che indossano la divisa ufficiale e quelli che indossano la tuta(vedi Jürgen Klopp). Tra il formale e il casual esiste però una terza via di mezzo, quella intrapresa da Quique Sánchez Flores.

L’allenatore dell’Espanyol ama i look minimal e rilassati a base di capi destrutturati doppiopetto come blazer o jardigans (i maglioni a metà tra la giacca e il cardigan), T-shirt colorate e sneakers. Senza dubbio, un outfit che si abbina alla perfezione con il suo grooming super easy fatto di barba incolta e capello brizzolato. La sua presa di posizione in fatto di stile è stata premiata!